E’ tutta una questione di padella…!!

Simbolo indiscusso della Spagna, la tortilla ha accompagnato, e continua ad accompagnare pranzi, cene, spuntini, merende, aperitivi, dopo cene e fami chimiche.

E come ogni piatto etnico che si rispetti, ognuno ha la propria maniera di prepararlo. Chi taglia le patate a cubetti, chi a fettine, chi le patate le mette schiacciate a purè. Chi alle uova ci aggiunge il latte, chi il pepe, chi il formaggio. Cipolla si o cipolla no? E poi, le patate vanno cotte bollite, al forno o in padella? E la cottura? Dorata? Bruciacchiata? Semi cruda?

Insomma, ognuno dice la sua e detta regole, un po’ come con la carbonara (di cui avro’ sentito, provato e sperimentato almeno cinquanta diverse variazioni…). Ma la verità la sanno in pochi.

Prima di scoprire i segreti che si celano dietro ad una buona tortilla de patatas, andiamo a vedere le origini…

La storia della nostra cara tortillas è indubbia e frastagliata.

Pare infatti che già dal lontano 1519 fosse un piatto celebre non solo tra i conquistadores spagnoli, ma anche tra gli Atzechi che le proponevano al mercato di Tenochtitlan, vendendola sotto il nome di pàn de maiz. 

Durante l’800 in Navarra, la tortilla di patata era il piatto dei poveri agricoltori. Bastavano  poche uova e le donne erano capaci di cucinare delle gran belle tortillas, con cui ci si poteva sfamare tutta la famiglia.

Leggenda invece narra che una casalinga della Navarra mescolando un po’ di uova, cipolle e patate abbia proposto la tortilla come pasto saporito e nutriente al generale Zumalacárregui,  il quale poi lo rese conosciuto tra l’esercito per ovviare la grande penuria, e divenne poi via via famoso tra le mogli, fidanzate e compagne fino a raggiungere la massa.

Le ultime news dicono invece che tale Teodoro Bardaji Mas, noto cuoco aragonese, nel 1935 al settimanale “Ellas” si vantò di conoscere la ricetta originale della tortilla, che veniva preparata un po’ come quella che si conosce oggi con la differenza che cipolla e patate non venivano precedentemente fritte.

Insomma, come potete ben vedere anche nella storia, ognuno ha sempre detto la sua a riguardo.

E io oggi vi diro’ la mia!

Vi informo che di tortillas ne avro’ provato e preparato a migliaia. Ma le migliori in assoluto sono sempre state quelle preparate dai miei amici spagnoli. Sarà che c’avranno la mano, sarà che son cresciuti a chorizo e tortillas, sarà che il fornello riconosce la mano spagnola, ma come le fanno loro, nessuno mai!

Bene, seppur pure tra spagnoli le teorie sulla preparazione della tortillas de patatas si sprecano, una delle più buone è:

– tagliate 3 patate medio-grandi a fettine sottili (non cubetti mi raccomando!)

– sminuzzate la cipolla

Ponete in una padella con olio d’oliva e fate cuocere il tutto fino a quando la patata sarà morbida. Togliete quindi il vostro impasto e ponetelo nel piatto dove avete sbattuto 4-5 uova con un po’ di sale (niente aggiunta di latte, pepe, formaggio e altra creatività). Mescolate il tutto, poi prendete una padella rigorosamente antianderente e fate bene attenzione che l’antiaderenza della vostra padella sia ancora intatta!

Ponete un goccino di olio d’oliva e quando è caldo buttateci sopra il vostro impasto di patate e uova. Fuoco basso e coperchio.

Fondamentale è il tempo di cottura. Pochi secondi potrebbero essere letali per la buona riuscita della vostra perfetta tortilla spagnola.

Diciamo che come vedete l’uovo solidificarsi leggermente ai lati, è pronta per la “vuelta”. A questo punto armatevi di piatto, velocità, riflessi, coraggio e bum, girate di scatto senza pensarci troppo.

Se siete fortunati abbastanza non sbrodolerete nulla e a questo punto adagiate dolcemente la tortilla nuovamente nella padella. Mettete nuovamente sul fuoco per meno di un minuto e trasferite in un piatto. Lasciate raffreddare un 10 -15 minuti e la vostra perfetta tortilla spagnola sarà pronta!!

La peculiarità di questa tecnica è che la tortilla risulterà cotta fuori e cremosa dentro. Ragazzi, strabuonissima!

Que approveches!

tortilla1fate attenzione che l’antiaderenza della vostra padella sia ancora intatta

tortilla2Buonissima tortillas, creazione di un’amica spagnola!

tortilla3La mia tortillas de patatas!

Un pensiero su “E’ tutta una questione di padella…!!

  1. Pingback: I segreti della cucina Thai in un pomeriggio a Koh Phangan | Che te magni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...